Dal 13 gennaio 2016 incentivi all’imprenditorialità femminile e giovanile

Bandi e agevolazioni · Redazione

Al via dal 13 gennaio 2016 l’invio delle domande per gli incentivi ai giovani fino a 35 anni e alle donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa. La misura per l’Autoimprenditorialità (Decreto legislativo 185/2000, Titolo I), rinnovata dal mese di ottobre 2015, è ora conosciuta con il nome “Nuove imprese a tasso zero”.

Le risorse finanziarie a disposizione sono pari a 50 milioni di euro e il finanziamento a tasso zero concesso a ogni società è per un massimo di 200.000 Euro.

Può essere richiesto da micro o piccole imprese a prevalente partecipazione di giovani fino ai 35 anni o di donne, ma anche da persone fisiche che si costituiscano in forma di società entro 45 giorni dalla comunicazione di ammissione al finanziamento.

Le spese ammesse sono:

  • acquisto di terreni (suolo aziendale), immobili, opere murarie ed edili, ristrutturazioni
  • acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica
  • spese per software e servizi digitali
  • costi per brevetti, licenze e marchi
  • costi per corsi di formazione specialistica dei soci e dei dipendenti dell’azienda

Sono ammesse le iniziative attivabili su tutto il territorio nazionale e i settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile e femminile che riguardano:
– le attività turistico-culturali finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza;
– l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano soddisfano nuovi bisogni sociali attraverso soluzioni innovative.

Dal 13 gennaio 2016 sarà possibile presentare le domande – complete di business plan – direttamente online, dal sito web di INVITALIA.

Fonte: MISE

Contattaci per ottenere un contributo

Settore

Ammontare dell'investimento

20.000

/contatti/grazie/