Dal Mise relazione sugli incentivi alle imprese nel periodo 2009-2014

Bandi e agevolazioni · Redazione

Pubblicati i dati relativi agli incentivi alle imprese in Italia negli ultimi 5 anni. Dal 2009 al 2014 il sistema agevolativo nazionale ha favorito investimenti per 91 miliardi. In crescita i Contratti di Sviluppo, ZFU e Investimenti innovativi.

Nel corso del 2014 sono state concesse agevolazioni per quasi 5 miliardi che hanno trainato investimenti per circa 10 miliardi di euro. In ottica cumulata (2009-2014), i dati rivelano che sono state concesse agevolazioni per 27 miliardi di euro a fronte di 91 miliardi di investimenti attivati.

In crescita, rileva il Ministero dello Sviluppo Economico, sia i Contratti di Sviluppo che gli interventi nelle Zone Franche Urbane e il Bando Investimenti Innovativi. A beneficiarne soprattutto le imprese del Sud: nel Mezzogiorno infatti si registra una maggiore concentrazione delle risorse concesse con quasi 2,6 miliardi, pari al 52% delle concessioni totali.

I dati cumulati (2009-2014) mostrano un totale di agevolazioni concesse a livello di Amministrazioni centrali pari a circa 12,7 miliardi, un ammontare di agevolazioni erogate pari a 12,9 miliardi e un livello di investimenti agevolati superiore a 42 miliardi.

Il Fondo di garanzia per le Pmi si conferma, per operatività ed effetto leva sulla propensione a investire dei privati, lo strumento di agevolazione perno dell’intero sistema italiano di sostegno al tessuto economico e produttivo mentre la “Nuova Legge Sabatini” rappresenta per il 2014 la principale novità. In considerazione del suo meccanismo di funzionamento, la misura mostrerà a pieno la sua portata operativa nel corso del 2015.

I dati sono contenuti nella Relazione sugli interventi di sostegno alle attività economiche e produttive (2015) elaborata dalla Direzione Generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello Sviluppo Economico. La Relazione rappresenta un’opera di censimento e monitoraggio degli interventi agevolativi che le Amministrazioni centrali e regionali hanno destinato al tessuto produttivo, con l’obiettivo di tracciarne lo stato dell’arte e l’evoluzione.

Fonte: Mise

 

Contattaci per ottenere un contributo

Settore

Ammontare dell'investimento

20.000

/contatti/grazie/