Nuovi obblighi in termini di trasparenza e di pubblicità

Bandi e agevolazioni · Isabella Gilli

L’art. 1, della Legge 4 agosto 2017 n.124 commi 125-129 “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, per assicurare la trasparenza nelle relazioni finanziarie tra i soggetti pubblici e gli altri soggetti, ha introdotto nuovi obblighi in termini di trasparenza e di pubblicità a carico delle imprese che intrattengono rapporti economici con le pubbliche amministrazioni o altri soggetti pubblici.

Le imprese che ricevono dalle pubbliche amministrazioni o da altri soggetti pubblici:

  • sovvenzioni,
  • contributi,
  • incarichi retribuiti,
  • vantaggi economici di qualunque genere,

per un importo complessivo superiore a 10.000 euro dal 01 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, devono pubblicare le informazioni di tali introiti nella nota integrativa del bilancio di esercizio e nella nota integrativa del bilancio consolidato, ove esistente.

Il nuovo obbligo informativo è applicabile a partire dal 2019, per tutti gli introiti ricevuti dal 1° gennaio 2018.

Per l’individuazione degli introiti “ricevuti” è adottato il principio di cassa, ovvero dovranno essere indicate tutte le somme effettivamente introitate dell’anno solare precedente, dal 1° gennaio al 31 dicembre, indipendentemente dall’anno di competenza cui le somme si riferiscono.

L’inosservanza di tale obbligo comporta la restituzione delle somme ai soggetti eroganti.

Nonostante non siano ancora stati previsti format specifici per l’indicazione in nota integrativa delle informazioni sui vantaggi economici ricevuti, il MLPS ha definito che dovranno essere indicati almeno i seguenti elementi:

  • denominazione e codice fiscale soggetto ricevente (impresa),
  • denominazione soggetto erogante,
  • somma incassata,
  • data di incasso,
  • causale.

 

Oltre alle imprese, che sono tenute ad inserire le informazioni in nota integrativa, i nuovi obblighi interessano anche:

  • le associazioni di protezione ambientale a carattere nazionale e quelle presenti in almeno cinque Regioni individuate con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare;
  • le associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale;
  • le associazioni e le fondazioni, nonché tutti i soggetti che hanno assunto la qualifica di ONLUS.

Questi ultimi sono tenuti a pubblicare le informazioni dei vantaggi economici ricevuti sui propri siti internet entro il 28/02 di ogni anno.

Le cooperative sociali – che sotto il profilo della qualifica fiscale sono ONLUS di diritto, mentre sotto il profilo civilistico sono società che assumono di diritto anche la qualifica di impresa sociale – devono adempiere agli obblighi informativi solo in sede di nota integrativa del bilancio di esercizio e di nota integrativa del bilancio consolidato (se esistente).

Inoltre, ai sensi dell’art. 1, comma 125, della L. n. 124/2017, le cooperative sociali, qualora svolgano attività a favore di stranieri, sono tenute a pubblicare trimestralmente nei propri siti internet o portali digitali l’elenco dei soggetti a cui sono versate somme per lo svolgimento dei servizi finalizzati ad attività di integrazione, assistenza e protezione sociale.

 

Fonti:

  • L. 124 del 04 Agosto 2017, Art. 1 commi da 125 a 129
  • CIRCOLARE MINISTERIALE MLPLS N.2 dell’11/01/2019
  • CONSIGLIO DI STATO Numero 01449/2018

Contattaci per ottenere un contributo

Settore

Ammontare dell'investimento

80.000

Per investimenti minori contattaci direttamente a info@innovafinance.com

/contatti/grazie/