Report: il click day Inail 2017

Report · Carmela Gabriele

Il 19 giugno 2017 si è tenuto il consueto click day Inail, l’invio telematico delle domande per accedere ai 290 milioni di euro di incentivi a fondo perduto per le imprese che investono in sicurezza.

Come da report del sito ufficiale dell’Inail:

ROMA – Alle ore 16,30 di oggi, lunedì 19 giugno 2017, si è concluso regolarmente il “click day” per l’invio delle domande di accesso ai fondi stanziati nel 2016 dall’Inail con il bando ISI e con il primo bando ISI Agricoltura, pari complessivamente a circa 290 milioni di euro. Nei trenta minuti di apertura dello sportello telematico sono stati oltre 20mila gli utenti che hanno inserito online il codice identificativo associato al loro progetto al termine della prima fase della procedura prevista dai due bandi. I finanziamenti saranno assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande. Gli elenchi di tutte domande inoltrate oggi, con evidenza di quelle collocate in posizione utile per essere ammesse al contributo, saranno pubblicati sul sito dell’Istituto. 

Cosa è successo quest’anno rispetto all’anno scorso?

Si è svolto tutto in pochi secondi: alle 16:00 si è aperto lo sportello telematico e oltre 20mila italiani hanno cliccato per inviare la propria domanda, a 15 secondi dall’apertura era già tutto finito.

Quali sono stati i fattori discriminanti?

  • linea internet (più o meno veloce)
  • numero di dispositivi collegati alla stessa rete (da considerare che sono nate delle realtà che propongono “cliccatori”)
  • numero di click inviati per lo stesso codice telematico

La schermata che si è presentata a tutti gli utenti alle ore 16:00 in punto è la seguente:

 

 

Quali i commenti dei cliccatori di tutta Italia?

Sulla pagina Facebook Incentivi Inail alle imprese il diverbio più frequente quest’anno è stata la mancata visualizzazione del tempo di invio, ma la comparsa del messaggio Codice identificativo salvato.

Risponde l’Inail: “Il time stamp viene rilasciato solo al primo inserimento ed è quello che viene preso in considerazione ai fini della graduatoria. I successivi inserimenti (dello stesso token) ricevono il messaggio Codice identificativo salvato“.

Il messaggio Codice identificativo salvato è comparso, quindi, nel caso in cui il codice è stato inviato più di una volta. A quel punto il sistema riconoscendo solo il primo invio, non ha rilasciato il tempo. Alcuni utenti però – che hanno inviato il codice in modo indipendente e senza avere un secondo “cliccatore” che inviasse lo stesso codice per aumentare le probabilità di successo – lamentano di aver visualizzato il messaggio Codice identificativo salvato nonostante fossero gli unici a fare il click.

Ecco come si è presentata invece la schermata con il time stamp:

Non si riscontrano particolari errori da parte degli utenti infatti, memori dell’esperienza dello scorso anno, la domanda di verifica non ha destato troppa sorpresa.

Su un totale di 5 caratteri, erano da copiare solo i primi 4 all’interno delle parentesi. È stato notato però che, di fatto, il campo di verifica accettava solo 4 lettere e in caso di copia incolla dell’intero testo (5 lettere) venivano comunque considerate solo le prime 4.

Questo ha sicuramente agevolato moltissimi utenti, che solo in un secondo momento si sono accorti della domanda “Digitare i primi quattro caratteri tra parentesi” pur avendone copiati e incollati 5.

 

Noi eravamo pronti e preparati, come ogni anno. Tutto il team di Innova Finance, cliccatori con esperienza pluriennale, pronto a ogni sorpresa e allenato nella gestione dell’ “ansia da click day”. Entusiasti dei risultati ottenuti, non ci resta che attendere la graduatoria con gli elenchi cronologici.

Auguriamo a tutti buona fortuna e che gli incentivi possano soddisfare le esigenze di più aziende possibili.

Contattaci per ottenere un contributo

Settore

Ammontare dell'investimento

20.000

/contatti/grazie/